Home | Archivio | Foto | Video | Contatti | FAQ | Newsletter | Widget | News |
#extraiVolley - Chef Francesco Sideri: tra pallavolo e fornelli
 
 
 

 Ha due grandi passioni: la pallavolo e la cucina. Con la prima è arrivato in A2 (gioca con la maglia biancoblù della Videx Grottazzolina) con la seconda si è guadagnato una piccola-grande popolarità pubblicando sul canale youtube della sua società alcuni video in cui realizza le sue ricette nella brillante e golosa rubrica "Cotto e Spadellato".

Il nostro personaggio è Francesco Sideri, 22 anni schiacciatore di banda, sardo di Cagliari, ragazzo dallo sguardo vivo e pungente, orgoglioso delle sue origini, figlio di una terra che ama la pallavolo e che negli ultimi anni sta iniziando a produrre talenti, il cui nome lui vorrebbe onorare al massimo.
Il volley è un amore di famiglia o sbaglio?
"Dal punto di vista sportivo, possiamo dire che la pallavolo non è stato il mio primo amore: inizialmente giocavo a calcio, ma quando il mio allenatore se n’è andato ho smesso. E’ stato mio padre a convincermi a giocare a pallavolo, lui è un ex-pallavolista, e mi è piaciuto subito".
Una carriera iniziata nella tua Sardegna 
"La mia carriera sportiva è iniziata nelle giovanili del Cagliari, poi sono passato a quelle della M.Roma Volley, dove sono rimasto per due anni. Quindi Cuneo, sempre giovanili: qui ho avuto la fortuna di allenarmi e confrontarmi con i campioni della serie A e anche di partecipare ad una trasferta di Champions League. Non posso nascondere che fu una grande emozione".
Dalle giovanili alla serie A il passo è stato naturale?
"Il mio primo anno da professionista, invece, è stato a Reggio Emilia. Dopo di che, per motivi personali, sono tornato in Sardegna per due anni, a Sarroch. E adesso sto vivendo quest'avventura positiva a Grottazzolina in serie A2".
Ma come nasce Chef Francesco?
"La passione per la cucina, invece, mi è stata trasmessa da mio padre e mia madre, che cucinano tanto e bene". 
Una passione che hai coltivato e studiato
"Mi piace molto cucinare per gli altri e per migliorarmi ho anche fatto un corso, che mi ha insegnato un sacco di cose e soprattutto molte tecniche importanti. 
Cosa ti riesce meglio tra i fornelli?
"I miei piatti forti? Non so, mi piace cucinare di tutto anche se preferisco fare dolci". 
Preferiresti arrivare a giocare in SuperLega o diventare un chef di successo?
"Ho tanti sogni nel cassetto... ma vorrei tenerli lì"
 
 

  CONDIVIDI:


 
  News Correlate  
 
 
#CoppaItaliaA1M - Trento recupera Nelli e Mazzone per i quarti con Monza
 
 
#Volleymercato #A1FVolley - Imoco con il dubbio Tomsia e il sogno Easy
 
 
#A1FVolley - Dopo la qualificazione alla F4 di Coppa Italia Modena rinuncia al mercato?
 
 
#Volleymercato #SuperLega - Catia Pedrini tende la mano a Luca Vettori
 
 
#A1FVolley - Marco Gaspari: "Oszoy è guarita, ma la condizione non è ottimale"
 

 
  Video Correlati  
 
Cotto e Spadellato: Vellutata di Zucca con crostini di pane
 
Cotto e Spadellato: Risotto allo Champagne
 
Cotto e Spadellato: Orecchiette con crema di Broccoli e Bottarga
 
Cotto e Spadellato: Crema Catalana
 
Cotto e Spadellato: La Carbonara Mistica
 

 
  Foto Correlate  
 
#A2MVolley - Club Italia Crai vs Bcc Castellana (foto di Marika Torcivia)
 
#CoppaItaliaA2M - Tuscania vs Civita Castellana (foto di Marika Torcivia)
 
#A2MVolley - Civita Castellana vs Grottazzolina (foto di Marika Torcivia)
 
#A2MVolley - Civita Castellana vs Cantù (foto di Marika Torcivia)
 
#A2MVolley - Club Italia Crai vs Emma Villas Siena (foto di Marika Torcivia)
 
 

 
ULTIMO NUMERO
iVolley n°141

sfoglia